Libretto di lavoro di Luigi Pontiggia

(Giorgio Giuliani - grazie a Luigi Pontiggia)

Premessa:  come "storico" sono sempre interessatissimo alle "fonti", di qualsiasi genere, che come al giorno d'oggi insegnano anche alle scuole elementari (oops primarie) sono fondamentali per la storiografia. Quindi abbiate pazienza se prendo un po' di spazio per parlare di questo documento che a molti sembrerÓ privo di significato.

Durante la cerimonia per l'inaugurazione del monumento in ricordo della prima sede Rivarossi ad Albese con Cassano ho potuto fotografare, letteralmente dalle mani del proprietario, il libretto di lavoro di Luigi Pontiggia, in ASA (che dal 1945 diventa Rivarossi) dal 12 novembre 1943  fino al 19 settembre 1947.

Nella foga degli eventi non ho fotografato ne Pontiggia (esclusa la mano), ne i suoi dati, comunque questa fonte storica ci dice e conferma parecchie cose sulla prima Rivarossi.

Innanzitutto il periodo storico in cui la ASA nacque: il Ministero del Lavoro era allora Ministero delle Corporazioni, di chiaro sapore fascista e lo stemma in copertina Ŕ ancora lo scudo sabaudo, di li a poco scalzato dallo "stellone" della Repubblica.

 

Vediamo che Pontiggia Ŕ stato assunto dalla ASA - Apparecchi Strumenti Aeronautici SocietÓ in Accomandita Ing. A. Lanza & C. nel novembre del 1943, in pieno periodo bellico, con l'Italia divisa in due e la Repubblica di Sal˛ nata da poche settimane. Probabilmente oltre alla data dell'era cristiana dovrebbe esserci anche l'anno dell' "era fascista" (in quanto Nord Italia) ma questa forse stava andando rapidamente fuori moda ...

 

Poi subentra Rivarossi - Officine Miniature Elettroferroviarie in cui Pontiggia resta fino al 19 settembre 1947

Successivamente Pontiggia passa con altre ditte che esulano dai nostri interessi, ma resta notevolissima la valenza storica di questo documento.

 

Testimonianze